Ultima Uscita

Vuoi Sostenerci?

Bomboniere Solidali

Comunicati Stampa

Premio Città Solidale IV

Manca poco ormai al “Premio Internazionale Catanzaro Città Solidale”, appuntamento giunto alla 4a edizione, organizzato da Fondazione Città Solidale Onlus, che in questo anno avrà la sua giornata conclusiva il 26 maggio alle ore 9.00, presso l’Auditorium Casalinuovo.

Una giornata a cui sono stati invitati gli alunni degli Istituti Scolastici di Istruzione Secondaria Superiore che hanno partecipato ad un percorso di sensibilizzazione sul tema dell'accoglienza delle persone straniere ed in particolare dei rifugiati e richiedenti asilo, ma anche con uno sguardo più generale al rispetto ed alla convivenza di tutte le diversità.

Una manifestazione in cui si potrà vivere un susseguirsi di emozioni e che vedrà gli studenti degli istituti scolastici di secondo grado di Catanzaro assoluti protagonisti della manifestazione. Infatti, proprio i giovani studenti nel corso dei mesi precedenti si sono cimentati nella realizzazione di video e cortometraggi che hanno avuto come filo conduttore il tema “Benvenuto a te! Impariamo l’arte dell’accoglienza”, partecipando così al Concorso che ha nella giornata del 26 maggio la sua conclusione. Verranno premiati il primo ed il secondo classificato ed i video classificati saranno pubblicati sul sito e sulla pagina FB della Fondazione e saranno utilizzati esclusivamente per fini di sensibilizzazione ed educativi.

Una giuria composta da esperti ha valutato i lavori e scelto i primi due classificati. Nella valutazione dei prodotti, sono state premiate: l’originalità, la chiarezza del messaggio, l’attinenza al tema ed agli obiettivi dell’iniziativa nonchè la qualità tecnica. Il primo ed il secondo classificati saranno pubblicati sul sito e sulla pagina FB della Fondazione.

L’evento, che sarà presentato da Rossella Galati, vedrà inoltre la partecipazione di numerosi artisti e ospiti tra i quali Ivan Colacino voce e chitarra del gruppo musicale catanzarese Quarto BRA; i Crazy Wagons country band della locride; SMOE, artista catanzarese writer e graffitaro; la ASD Novart Fitness E Dance Exedra;  il Dottor Raiola, direttore dell’unità operativa complessa di Pediatria dell’ospedale Pugliese di Catanzaro, impegnato in missioni di soccorso nelle acque tra Samos e Turchia e Lampedusa nel progetto "Pediatri in movimento"; Don Antonio Giura Superiore generale Famiglia dei Discepoli. Saranno presenti anche l'Arcivescovo di Catanzaro, mons. V. Bertolone, il sindaco Sergio Abramo, e l'Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Catanzaro, avv. Maria Gabriella Celestino. 

Una manifestazione curata nei minimi particolari che assume, anche in relazione agli accadimenti avvenuti nei giorni scorsi  nella provincia di Crotone, un valore ancora più importante.

Essa si inserisce infatti in un più ampio e complessivo impegno per l'accoglienza e l’integrazione, portato avanti quotidianamente dalla Fondazione Città Solidale Onlus e da tante organizzazioni del privato sociale.

Padre Piero Puglisi, presidente di Fondazione Città Solidale, organizzazione che da oltre 20 anni offre accoglienza e supporto a persone in difficoltà, italiane e straniere, afferma: "In questi tempi così difficili, in cui moltissime persone bussano alle nostre porte perché vivono in situazioni di forte disagio o perché provengono da zone poverissime e diseredate del nostro pianeta non possiamo sottrarci dall’obbligo morale di aiutarle ed ospitarle. Per fare ciò bisogna mettere in campo molte risorse e molto impegno, un lavoro che si trasforma in missione e che va portato avanti con passione e professionalità perché solo così si possono far germogliare i semi dell’accoglienza e dell’integrazione degli Stranieri nella nostra Italia".

All'interno della manifestazione vi sarà anche la premiazione delle squadre che hanno partecipato al torneo di calcio denominato “Un calcio al razzismo”, iniziativa organizzata nell'ambito delle attività laboratoriali e di socializzazione degli SPRAR di Catanzaro per Minori Stranieri non Accompagnati e patrocinata dal Servizio Centrale del Ministero dell’Interno.

Ufficio Stampa Fondazione Città Solidale

5XMILLE FONDAZIONE. 17

Inaugurazione Centro diurno

Sensibilizzazione GasperinaLo SPRAR per adulti “Nostra Signora di Guadalupe” sito a Gasperina, progetto di accoglienza ed integrazione dei richiedenti asilo e rifugiati gestito dalla Fondazione Città Solidale Onlus, ha aperto le porte della struttura alla scuola primaria di Gasperina facente parte dell’Istituto Comprensivo di Montepaone.

Ad abbracciare fin da subito l’iniziativa, voluta fortemente dall’insegnante Iannoni Maria Antonia e dall’equipe della stessa struttura, il Dirigente Scolastico dell’Istituto comprensivo, prof. Renato Daniele. Un incontro di conoscenza e di sensibilizzazione sul tema dell’accoglienza, che ha visto la partecipazione attenta dei bambini della classe e una rappresentanza di genitori, tra i quali Fulciniti Saverio, Roberta Basso, Enza Varano, Iona Francesco e Mercurio Francesca, nonché l’insegnante di sostegno Caterina Amoruso. La scolaresca è stata avvicinata alle tematiche dell’immigrazione, attraverso un preventivo lavoro di ricerca e di ricostruzione dell’esperienza migratoria delle proprie famiglie d’origine e della terminologia riguardante gli immigrati (rifugiato politico, protezione sussidiaria, protezione umanitaria, ecc).

Ogni bambino, con l’atlante aperto sulla pagina del planisfero, ha voluto visualizzare i luoghi di provenienza degli ospiti del centro, per riuscire a comprendere meglio le distanze e le problematiche connesse ad esse.  

L’incontro si è concretizzato con una partecipazione attiva degli alunni che hanno posto numerose domande agli ospiti, domande personali ed attinenti la famiglia, le emozioni vissute durante il viaggio e le prospettive future nel territorio italiano.

Importante è stata anche la partecipazione dei genitori coinvolti nel progetto dalla docente, espressione di una comunità locale aperta all’accoglienza, che crede nella ricchezza che la diversità può offrire. Dall’incontro interattivo tra ospiti ed alunni è emerso un confronto costruttivo e di forti emozioni, per un immagine dell’immigrazione “toccata con mano e con il cuore”, al di là di semplici stereotipi, mettendo a disposizione dei bambini il lato più umano ed emotivo del fenomeno migratorio. Il racconto di testimonianze autentiche e di esperienze di vita è, infatti, comunicare un bagaglio di ricchezze che le nuove generazioni non possono fare a meno di avere. Questo punto è stato messo in evidenza dall’educatore Domenico Torcia, responsabile della struttura: « Il fine di tale incontro è stato quello di riuscire a trasmettere una visione dell’immigrato come una risorsa per la comunità in un rapporto di interscambio, in cui una parte ha bisogno dell’altra per essere migliore. La cultura dell’integrazione è forte quando il dialogo con l’altro “diverso da me” è percepito come uno stimolo per capire meglio le mie posizioni e il senso delle ragioni dell’altro, mediante un confronto libero».

L’incontro di sensibilizzazione si è concluso in tarda mattinata con un bel momento di convivialità, attraverso la condivisione di diverse specialità di dolci, alcuni portati in dono dai genitori e altri offerti cordialmente dalla pasticceria “Soverato Dolci”.

Lo SPRAR “Nostra Signora di Guadalupe” di Gasperina organizzerà nei prossimi mesi ulteriori incontri ed attività di sensibilizzazione sul territorio, finalizzati alla promozione di una cultura dell’accoglienza, dell’integrazione e dell’inclusione sul tessuto sociale.

Approdo integrazioniContinua il percorso di integrazione sul territorio dei beneficiari del Centro di Accoglienza SPRAR di Girifalco “L’Approdo”, attraverso varie attività interne ed esterne alla struttura. Un cammino che vede il costante supporto dell’equipe, composta da varie professionalità che, insieme agli ospiti, realizzano progetti personalizzati che mirano al raggiungimento dell’autonomia. In questo contesto, come ormai da prassi consolidata, la Fondazione Città Solidale mette in atto quella che è definita una "Linea Calda”, la costruzione cioè di un clima familiare ed un rapporto diretto tra operatore ed ospite. Nel mese di Marzo si sono organizzati dei momenti di convivialità fuori dalla struttura. A rendere possibile tutto ciò, la disponibilità di alcune attività commerciali di Girifalco, Kaleido, City Bar ed Officina del Gusto, che hanno offerto agli ospiti della struttura momenti da trascorrere insieme all’insegna del divertimento e della degustazione di aperitivi e pizza in modo del tutto gratuita. Piccoli gesti che fanno capire come la stessa Girifalco abbia abbracciato con spirito di solidarietà e fratellanza queste persone che vengono da molto lontano e che hanno bisogno, oltre modo, di ritrovare quella normalità che hanno perduto, dovendo lasciare i loro paesi per sfuggire a situazioni di pericolo e marginalità. Il responsabile della struttura, Maurizio Chiaravalloti, ha voluto commentato: «Devo dire che Girifalco ed i suoi abitanti, fin da quando ha aperto “L’Approdo”, hanno abbracciato con spirito di solidarietà e fratellanza il nostro progetto. Ritrovarci oggi nel poter offrire ai nostri ospiti, grazie al grande gesto di queste attività commerciali del territorio, questi momenti di spensieratezza, mi fa ben sperare per il futuro. Già negli scorsi mesi abbiamo avuto risposte positive da parte di Girifalcesi che ci hanno supportato in maniera del tutto volontaria nell’azione quotidiana di integrazione sociale dei nostri ospiti». Azioni mirate che saranno implementate con l’arrivo della bella stagione e che vedranno gli operatori dell’“L’Approdo” organizzare ulteriori giornate di conoscenza del territorio e nello stesso tempo di convivialità, rivolte agli ospiti della struttura, per poter far rivivere agli stessi occasioni di serenità e di distacco da un passato difficile.

Il Mosaico