Ultima Uscita

Vuoi Sostenerci?

Bomboniere Solidali

Comunicati Stampa

Buon Natale dalla Fondazione Città Solidale

Si è svolto venerdì scorso 18 dicembre, presso il Porto Rhoca di Squillace, il terzo galà di solidarietà promosso dalla Fondazione Città Solidale e patrocinato quest’anno dalla Provincia di Catanzaro. In una sala gremita che ha contato circa 242  persone, si è sentito forte il senso di concretezza e di vicinanza trasmesso dai molti che hanno aderito alla iniziativa  desiderosi di trasmettere alla Fondazione Città Solidale l’apprezzamento per quanto offre, da ben dieci anni,  alla città e alla provincia di Catanzaro.

L’evento, condotto dalla bravissima Emanuela Marchio,  ha avuto come obiettivo di quest’anno, quello di raccogliere fondi per il completamento dei lavori di ristrutturazione di una casa donata da una caritatevole coppia di Gasperina; dal loro gesto di amore e dal gesto solidale dei donatori accorsi alla serata, la Fondazione vorrebbe dunque dare vita ad una nuova struttura di accoglienza per le persone che vivono condizioni di disagio e sebbene la sfida potrebbe apparire ardua, il Presidente, gli operatori e quanti si sono mostrati attenti e collaborativi, ci credono fino in fondo e lavorano affinché quanto ideato possa concretizzarsi.

Oltre alla presenza sempre gradita e puntuale, rispetto ad eventi di rilievo a favore delle persone in difficoltà, del Vescovo dell’Arcidiocesi di Catanzaro-Squillace, Mons. Ciliberti il quale ha sottolineato l’importante compito portato avanti dalla Fondazione e dal suo Presidente, si è registrata la partecipazione e l’intervento del Sindaco Rosario Olivo e la presenza di numerosi esponenti dei comuni della provincia di Catanzaro, tra i quali i sindaci di Sellia e di Sersale.

In scaletta, durante la degustazione delle gradite pietanze preparate per l’occasione dagli chef del Porto Rhoca, l’intrattenimento musicale del maestro Musarella; l’esibizione pittoresca e in clima natalizio di un duo di Zampognari; la performance sempre impeccabile degli Intermezzo Napoletano del dott. Saverio Palermo e della sua bravissima vocalist; ma soprattutto, il personaggio più atteso e famoso, il comico del Bagaglino Mario Zamma che è noto per essere entrato nelle nostre case direttamente dal Teatro Salone Margherita di Roma con spettacoli televisivi tra i quali Marameo, Barbecue, Creme Caramel e tanti altri.

Mario Zamma ha proposto i suoi personaggi più famosi, da De Mita a Di Pietro e regalando ai presenti una fantastica esibizione al pianoforte, con le note e l’imitazione di grandi cantanti italiani tra i quali Zucchero, Ramazzotti, Gino Paoli e Ornella Vanoni.  L’artista si è inoltre detto realmente catturato dalla serata anche considerando i forti legami che da sempre ha con la Calabria collaborando attualmente e avendo collaborato nel passato con numerosi suoi colleghi nati nelle città della nostra Regione, tra i quali ha voluto citare il regista Pingitore e il grande Oreste Lionello al quale è stato dedicato un caloroso applauso.

La serata è servita inoltre da vetrina per l’annuncio di importanti attività che la Fondazione Città Solidale sta per avviare. Il Presidente Puglisi ha infatti informato i presenti  dell’avvio di tre progetti, due dei quali promossi e sostenuti dalle Politiche Sociali del Comune di Catanzaro che  dunque potenzieranno, come Amministrazione,  i già numerosi servizi offerti al Territorio. I progetti sono Un Centro Ascolto Uomo, sostenuto dall’Ufficio delle Pari Opportunità del Comune, che andrà dunque ad integrare e completare il già funzionante centro antiviolenza; un Progetto di Animazione a favore degli ospiti della Fondazione in particolare donne e bambini sempre in collaborazione con i Servizi Sociali di Catanzaro; un progetto denominato Rete della Solidarietà, giunto primo nelle graduatorie tra tutte le provincie calabresi, che godrà dei Fondi perequativi per la progettazione e la infrastrutturazione della Calabria a cura del Coordinamento Regionale dei CSV calabresi, e che sarà rivolto all'assistenza domiciliare a malati terminali e alle loro famiglie nella provincia di Catanzaro.  Inoltre il Presidente ha voluto fare una sorpresa ai suoi operatori annunciando che il centro di accoglienza per minori stranieri non accompagnati, sostenuto dai fondi dell’ANCI (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani) è stato prorogato per un altro anno e ciò non solo darà ai minori in cerca di aiuto una ulteriore opportunità per uscire fuori dal disagio ma consentirà anche agli operatori che sono stati impegnati durante quest’anno nella gestione della struttura, di continuare a lavorare per almeno altri dodici mesi.

Un galà dunque all’insegna della solidarietà da ogni punto di vista; un momento davvero particolare e apprezzato da coloro che si sono accostati alla buona causa della Fondazione,  sposandone gli obiettivi e gli ideali e decidendo di donare con unico gesto non solo un segno materiale concreto  ma soprattutto la possibilità di generare, attraverso l’attenzione al sociale, un ulteriore fonte di aiuto e sostegno a favore degli ultimi; proprio come da dieci anni Città Solidale continua a fare per il nostro territorio e per coloro che, italiani e stranieri di qualsiasi colore, credo e ideologia, bussano alla sua porta per chiedere accoglienza. La Fondazione Città Solidale onlus ringrazia dunque tutti i donatori di ieri, di oggi e soprattutto quelli di domani e augura a tutti Buone Feste.

Sabato 14 novembre 2009:
Spettacolo Musicale “Dieci anni e ancora”
ore 20.30 - Teatro Comunale di Soverato;
 
Venerdì 20 novembre 2009:
Convegno “Un decennio di welfare: i cambiamenti nei servizi alla persona. Le politiche sociali, le sfide del territorio, l'impegno dei credenti”
ore 9,30 - Sala Consiliare della Provincia di Catanzaro;
 
Mercoledì 25 novembre 2009:
Giornata contro la violenza alle donne
Inaugurazione “Centro Aiuto Donna”
ore 16.30 - Sala Consiglio Comunale di Catanzaro;
 
Venerdì 18 dicembre 2009:
Gran Galà di Solidarietà
ore 20.00 - Villaggio Porto Rocha
Squillace.

Notizie:

Avvio e conclusione del progetto “Stop alle dipendenze”, per un’azione di informazione/prevenzione/ricerca sulle dipendenze nel Comune di Amaroni;

Avvio e conclusione del progetto “Sportello donna”, con il finanziamento della provincia di Catanzaro per un servizio di ascolto e consulenza alle donne nei Centri territoriali per l’impiego;

Conferenza stampa per la presentazione del progetto “Centro aiuto donna”, con due sportelli con un servizio antiviolenza (a Catanzaro e Borgia);

Convegno sulla stessa tematica, “Centro aiuto donna: un aiuto alle donne per dire basta”, realizzato nella Sala Consiliare del Comune di Catanzaro il 17 giugno; oltre alle autorità ed ai referenti istituzionali, al convengo sono intervenuti: Anna Maria Leone (psicologa dell’ASP Catanzaro), Teresa Timpano (funzionario amministrativo Settore Politiche Sociali Comune di Catanzaro), Antonella  Aletta (Fondazione Città Solidale), Luigia Baroni (Avvocato, Centro Antiviolenza Roma), Tommasina Lucchetti (Assessore Pari Opportunità Comune di Catanzaro);

Prossimo avvio del progetto Centro Aiuto Donna, finanziato dalla Regione Calabria, centro antiviolenza (settembre 2009/settembre 2010).

Attività in corso:

Progetto Welcome, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per i Diritti e le Pari opportunità, per l'accoglienza residenziale di stranieri vittime di tratta in programma di protezione sociale (luglio 2008-luglio 2009);

Progetto Rut – crea lavoro 2, finanziato da Caritas Italiana, per l'inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati (1 settembre 2008 – 31 agosto 2009);

Progetto Caleb, finanziato da Regione Calabria, per formazione ed inserimento lavorativo di immigrati (1 ottobre 2008 – 30 settembre 2009).

Progetto Polis solidale, finanziato da Regione Calabria, Comune di Girifalco ente promotore Fondazione Città Solidale ente gestore (1 giugno 2009 – 31 maggio 2010);

Progetto Sportello Donna, finanziato da Centri per l'impiego Provincia di Catanzaro, per il sostegno all'inserimento lavorativo delle donne (maggio-giugno 2009).

Laboratorio d'arte per ospiti delle strutture di accoglienza (donne, bambini, giovani anche con disagio mentale, italiani e stranieri), con il supporto di un esperto che guida i partecipanti alla espressione e comunicazione figurativa, insegnando tecniche ed accorgimenti per esprimersi attraverso l'arte.

Il Mosaico