Ultima Uscita

Vuoi Sostenerci?

Bomboniere Solidali

Calabria Accoglie

GIORNATA MONDIALE DEL MIGRANTE E DEL RIFUGIATO

Organizzata, domenica 13 gennaio, alle ore 16.00,

nella Parrocchia S. Nicola - Squillace Lido -

Giornata_mondiale_migrantiIl 13 gennaio 2013 la Chiesa cattolica celebra la 99a Giornata Mondiale del migrante e del rifugiato.

Il tema della giornata, scelto per quest'anno da Benedetto XVI, è:  “Migrazioni: pellegrinaggio di fede e di speranza”, in concomitanza con le celebrazioni del 50° anniversario dell’apertura del Concilio Ecumenico Vaticano II, mentre tutta la Chiesa è impegnata a vivere l’Anno della fede.

L'esperienza del pellegrinaggio, che richiama immediatamente la decisione, in genere spontanea, di compiere un itinerario e di realizzare un percorso, viene dunque collegata all'esperienza della migrazione, che quasi sempre non è liberamente scelta.

L'esperienza dei migranti è tuttavia anche un'esperienza di fede (chi si sposta dal proprio paese, porta con sé le proprie convinzioni religiose ed incontra quelle di altre persone e di altri popoli) e di speranza (chi emigra, spera certamente in un futuro migliore).

Anche nella nostra Diocesi, l'Ufficio Migrantes, che si occupa di tutte quelle persone che sono interessate dal fenomeno della mobilità umana (immigrati ed emigrati, sinti e rom, fieranti e circensi), per la celebrazione della Giornata, ha organizzato un'iniziativa  che si terrà appunto il 13 gennaio, alle ore 16.00 nella Parrocchia S. Nicola, a Squillace Lido.

L'iniziativa vuole essere occasione di riflessione e sensibilizzazione sulla realtà delle migrazioni, nel loro duplice aspetto (immigrazione/emigrazione), realizzata nella dimensione dell'accoglienza e della fraternità, come celebrazione e come festa di popoli cha si incontrano.

L'incontro prevede infatti una prima parte in cui saranno offerti spunti di riflessione e preghiera comune, nelle varie appartenenze culturali, linguistiche e religiose; una seconda parte, in cui vi saranno danze, canti, racconti e testimonianze dei vari popoli; ed infine, si concluderà il pomeriggio di festa con la degustazione di piatti tipici e la possibilità di ammirare prodotti artigianali dei vari paesi.

All'iniziativa parteciperà l'arcivescovo di Catanzaro - Squillace, mons. Vincenzo Bertolone e sono stati invitati il Prefetto di Catanzaro, il Presidente della Provincia di Catanzaro, il Sindaco di Squillace ed il Commissario Prefettizio di Catanzaro,  altre autorità e rappresentanti di altre religioni o confessioni cristiane. Ovviamente si auspica anche la partecipazione di singoli ed associazioni che hanno a cuore la realtà della migrazione e tutti i problemi dei migranti.

Allegati:
Scarica questo file (111_giornata migranti 2013.pdf)Giornata Migranti 2013[Scarica]263 kB
Nativit
In un tempo in cui nessuno più sembra sperare, perché nessuno più ha il coraggio di guardare nel centro esatto della propria nostalgia e della propria memoria… in un tempo in cui l'eterno presente non è quello dell'istante che rimane in eterno ma quello di attimi sfuggenti e quasi senza senso, ha senso, invece, l'abbraccio che ci vogliamo dare in questo Santo Natale, abbraccio che ha in sé il profumo dell'incenso che sale nella meravigliosa notte in cui il Bambinello torna in mezzo a noi, abbraccio che ha dentro sé il calore che ci ricorda che in noi abita la speranza di essere felici.
Tanti auguri a tutti per il giorno che riaccende la speranza, regala affetto, sorrisi e apre i nostri cuori alla novità.
Le cose più belle della vita non si guardano con gli occhi ma si sentono con il cuore.

Giorno 1 dicembre è stata indetta la conferenza stampa di presentazione del progetto Sunrise. In allegato gli articoli delle testate giornalistiche presenti.

Allegati:
Scarica questo file (108_2012-12-02 Gazzetta del Sud.pdf)Gazzetta del Sud[Scarica]118 kB
Scarica questo file (108_2012-12-02 Il Quotidiano della Calabria.pdf)Il Quotidiano della Calabria[Scarica]163 kB
Scarica questo file (108_2012-12-03 Calabria Ora.pdf)Calabria Ora[Scarica]75 kB
Giornata_studio_28.11.12

Prevenzione e lavoro di rete quali strumenti utili per contrastare il problema ma anche per sostenere in modo adeguato le vittime, queste le conclusioni concertate al termine della giornata studio sul tema della violenza di genere organizzata mercoledì 28 novembre presso il Consultorio Familiare in via Fontana Vecchia, dal Centro Aiuto Donna della Fondazione Città Solidale onlus.

In un clima volutamente intimo e familiare, operatori e personale qualificato operante quotidianamente proprio presso il Consultorio ma anche alcune donne utenti dello stesso, hanno potuto confrontarsi e conoscere meglio il tema della violenza di genere declinato in tutte le purtroppo innumerevoli forme; dalla violenza fisica a quella sessuale senza tralasciare quella “economica” analizzando gli aspetti psicologici e comportamentali, non solo delle vittime ma anche delle parti sociali coinvolte e dunque la sfera familiare, amicale etc.

A condurre l’incontro la psicologa del Centro Aiuto Donna, dottoressa Ornella Procopio, che dopo aver centrato l’attenzione sugli aspetti inerenti la sfera emozionale e comportamentale delle vittime ma anche del soggetto che perpetra la violenza, ha poi lasciato la parola all’avvocato Stefania Figliuzzi dell’Associazione Attivamente Coinvolte che, attraverso le attività portate avanti nell’ottica del volontariato e dell’impegno sociale, offre consulenza legale gratuita a tutte le donne vittime che decidono di denunciare il proprio carnefice. L’Avvocato Figliuzzi ha quindi sinteticamente ed efficacemente puntato l’attenzione sulle diverse possibilità che sia le vittime di violenza sia le persone a conoscenza di atti di violenza, hanno a disposizione per tutelarsi e tutelare; dalla querela alla denuncia, contando sempre sulla sensibilità e sulla preparazione del personale che, nei momenti in cui si decide in modo sofferto e non senza patimenti di rivolgersi alle autorità, deve o dovrebbe essere in grado di sostenere anche umanamente le vittime. Psicologa del Consultorio Familiare, la dottoressa Annamaria Leone ha portato la propria esperienza rispetto alle donne che quotidianamente si recano nella struttura in via Fontana Vecchia e che spesso, in modo graduale e cauto, esprimono il bisogno di un aiuto “generico” che si tramuta poi, dopo che si è creata fiducia, nella denuncia di episodi di violenza di vario tipo. Unico uomo, portatore di una visione diversa almeno per genere, il dott. Umberto Fedele, Assistente Sociale della Fondazione Città Solidale, già vincitore di un premio per la migliore tesi sul tema dello Stalking. Fedele, rispondendo alle domande della platea, ha brevemente delineato i contorni della figura dello Stalker e delle azioni mosse contro le vittime; l’idea di trattare un tema che generalmente potrebbe interessare di più le donne, nasce proprio dalla vicinanza e dalla conoscenza, ha raccontato, di una ragazza che era pesantemente perseguitata da un uomo. Durante l’elaborazione della tesi dunque, attraverso interviste a Pubblici Ministeri e donne vittime di Stalking, ha delineato la situazione che in quel momento la città di Catanzaro viveva rispetto al problema rimanendo lui stesso fortemente scosso dagli sguardi e dalle testimonianze toccanti delle donne ascoltate e che stavano subendo atti persecutori.

Dunque, così come il titolo dell’incontro suggeriva, “Formarsi per capire, formarsi per aiutare” – La varie facce della violenza- il senso profondo della giornata studio è stato quello di darsi degli strumenti per capire non solo il problema ma anche “come aiutare e sostenere” le vittime, promuovendo attività di sensibilizzazione e formazione al fine di prevenire episodi di violenza; proprio in quest’ottica le attività del Centro Aiuto Donna, finanziato dalla Legge Regionale 20 del 21/08/2007 inerente disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri antiviolenza, si collocano sul territorio di Catanzaro e provincia e continuano a fornire momenti di confronto e riflessione su un problema che apparentemente sembra non riguardarci ma di cui, proprio i casi trattati nel corso di quest’ultimo anno, ci portano una realtà diversa e cioè un problema sommerso e taciuto ma assolutamente esistente e reale.

Allegati:
Scarica questo file (106_Locandina giornata studio 28.11.12.pdf)Scarica la Locandina[ ]212 kB

Il Mosaico