Ultima Uscita

Vuoi Sostenerci?

Bomboniere Solidali

Comunicati Stampa

C’è un paio di scarpette rosse numero ventiquattro... <3
#Buckenwald #Auschwitz #Olocausto
#27gennaio #GiornatadellaMemoria
#PerricordarelaShoa #Arbeitmachtfrei #aɐ̯baɪtˈmaxtˈfʁaɪ
 FB IMG 1485537841926

2017 01 20 Corso formazione SPRARHa avuto avvio nello scorso weekend il corso di formazione dal titolo “Etica e deontologia professionale nell’accoglienza per Rifugiati e Richiedenti Asilo. Buone prassi e metodologia di lavoro per gli operatori degli SPRAR”, organizzato da Fondazione Città Solidale Onlus e patrocinato dal Sistema di Protezione SPRAR (sistema di protezione per rifugiati e richiedenti asilo) del Ministero dell’Interno. Il corso prevede 60 ore di lezioni frontali, moduli interattivi, confronto e scambio di buone prassi tra i numerosi partecipanti (80 gli iscritti). La prima giornata ha già visto 76 professionisti del sociale provenienti da varie parti d’Italia (Calabria, Puglia, Sicilia, Molise, Veneto ...) che hanno partecipato alla lezione frontale della docente Laura Zanfrini, Ordinaria di Sociologia delle migrazioni e della convivenza interetnica presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Le tematiche trattate in questo primo incontro hanno riguardato gli aspetti inerenti l’odierna situazione geopolitica e i flussi migratori, la storia e l’ evoluzione degli stessi a partire dagli anni 2000 fino ai giorni nostri.
Il corso ha come obiettivo primario quello di firmare ed offrire aggiornamento a varie figure professionali: assistenti sociali, educatori, operatori legali, mediatori interculturali, psicologi, pedagogisti ed operatori sociali, sulle buona prassi da mettere in atto nell’accoglienza e presa in carico di ospiti stranieri all’interno delle strutture di accoglienza.
Proprio su questo aspetto il Presidente di Fondazione Città Solidale, Padre Piero Puglisi, avviando i lavori, ha voluto soffermarsi: "Ormai da diversi anni siamo impegnati nell'accoglienza di persone straniere (adulti e minori) e, per questo, comprendiamo quanto sia delicato e difficile questo compito. Crediamo fortemente che alla base di tutto ci debba essere una formazione professionale di altissimo livello. In questo senso, abbiamo voluto questo percorso formativo da offrire ai nostri operatori ed al territorio, non solo regionale. Un modo inoltre per confrontarsi ed incontrarsi con altre realtà che si occupano di immigrazione e per costruire un' interscambio proficuo, quella rete necessaria perché il nostro lavoro nel sociale e la nostra azione pastorale raggiungano gli obiettivi che ci siamo prefissati: restituire dignità e promuovere integralmente l'autonomia delle persone che vengono nelle nostre terre". Il secondo incontro si terrà nel mese di Febbraio, in una due giorni che vedrà la presenza di Sergio Trolio, Tutor territoriale del Servizio Centrale per la Basilicata e la Calabria, e Davide Grilletto Presidente Provinciale Arci di Reggio Calabria e membro della Commissione Territoriale di Crotone, che daranno un quadro generale su quelle che sono le normative ed il diritto nell’ambito dell’Immigrazione.

Mentre pronunciava un discorso sui migranti minorenni, vulnerabili e senza voce, Papa Francesco disse le seguenti parole: ‹‹Per questo, in occasione dell’annuale Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, mi sta a cuore richiamare l’attenzione sulla realtà dei migranti minorenni, specialmente quelli soli, sollecitando tutti a prendersi cura dei fanciulli che sono tre volte indifesi perché minori, perché stranieri e perché inermi, quando, per varie ragioni, sono forzati a vivere lontani dalla loro terra d’origine e separati dagli affetti familiari››.

GR15 01 Guardavalle Una giornata, quella del Migrante e del Rifugiato, celebrata dall' Arcidiocesi di Catanzaro-Squillace, con l’Ufficio Diocesano Migrantes e la collaborazione della Fondazione Città Solidale Onlus, domenica 15 gennaio. Due momenti di riflessione, uno tenutosi a Squillace Lido e l’altro a Guardavalle marina, che hanno visto la partecipazione di numerosi fedeli, rappresentanti di Istituzioni, associazioni, autorità. Momenti, quelli vissuti, che hanno coinvolto anche le strutture di accoglienza SPRAR (per richiedenti asilo e rifugiati) di Girifalco, Gasperina, Catanzaro - Squillace, Cropani e del CPIA di Soverato e che sono stati un segno tangibile che momenti di convivenza ed integrazione, percorsi di inclusione sociale ed esperienze positive di solidarietà sono possibili e sempre auspicabili. GR14 01 Squillace

Manifestazioni che vogliono, non solo invitare a vivere sempre atteggiamenti di ospitalità e di servizio, ad essere persone, gruppi e comunità (civili ed ecclesiali) che favoriscono accoglienza e solidarietà ma che sono, soprattutto, stimolo ed occasione di riflessione sulla nostra storia migratoria e su quella che è la situazione attuale in riferimento al fenomeno migratorio, e alla convivenza pacifica necessaria tra le varie culture, anche religiose. È stato proprio questo il centro focale della manifestazione tenutasi nel pomeriggio di sabato 14 nella Parrocchia di Squillace Lido che ha visto la partecipazione dell’Imam di Catanzaro Saquil Azeddine e di Ranieri Van Gent, Pastore della Chiesa Pentecostale. 

Un’unione di cuori avvertita fortemente durante la lettura, da parte di alcuni ragazzi stranieri iscritti al CPIA di Soverato, di una poesia di un anonimo siriano dal titolo “Mi dispiace mamma”. Una testimonianza diretta della tragedia umanitaria che si sta consumando giorno dopo giorno nel canale di Sicilia e che ha mietuto solo nel 2016 ben 5000 mila vittime. All'interno della Chiesa San Nicola Vescovo si è poi condiviso un momento di preghiera ecumenica in ricordo di tutte quelle persone che, seguendo un sogno e coltivando la speranza di una vita migliore, hanno perso la vita

GR14 01 Squillace

Il secondo momento si è tenuto, nella mattinata di domenica, a Guardavalle, nella Parrocchia di S. Maria degli Angeli, alla presenza del Vescovo di Catanzaro-Squillace Monsignore Vincenzo Bertolone, di Don Roberto Celia e di Padre Puglisi, direttore dell'Ufficio Migrantes, che hanno celebrato la Santa Messa.

Una cerimonia religiosa, iniziata con la toccante testimonianza di un ragazzo camerunense, attualmente ospite del centro di accoglienza per adulti “L’Approdo” di Girifalco, che ha, attraverso parole commosse, descritto il dolore per avere lasciato la sua terra e per aver vissuto momenti terribili che lo hanno portato a venire in Italia. Padre Piero Puglisi ha sottolineato come ancora sia lungo il cammino che porta all’integrazione e all’accoglienza: <<Siamo qui oggi non solo per celebrare questo importante momento, ma anche per riflettere su quanto è stato fatto e quanto si vuole fare in riferimento all’immigrazione. Scenari tristi quelli che vedono prese di posizione contrarie all’accoglienza e di respingimento degli immigrati. Da Cristiani e seguendo la nostra coscienza civica dobbiamo fare di tutto per superare le barriere della paura e del pregiudizio. Il nostro Papa Francesco, proprio in questo anno, ci invita a volgere con amore il nostro sguardo ai minori, coloro che sono ancora più vulnerabili e che arrivano in Italia sempre in numero maggiore››. Sulla stessa lunghezza d’onda l’Omelia di Monsignor Bertolone: <<Queste testimonianze dei nostri fratelli devono spingerci a superare la facile equazione che porta l’immigrazione al fenomeno del terrorismo. Non possiamo restare fermi di fronte a queste situazioni di estrema povertà che portano gli essere umani a cercare una vita migliore in ogni modo possibile. Se riflettiamo che in questo 2016 ben 26 mila minori stranieri non accompagnati sono arrivati nella nostra bella Italia, capite bene che la situazione diventa ancora più drammatica. La preghiera di oggi sia rivolta a loro e sia il giusto mezzo per condividere un momento di unione che porti a gesti stupendi di misericordia e di solidarietà››.

La mattinata si è poi chiusa con la condivisione di un momento di convivialità e di fratellanza, consumando dolci tipici dei paesi di provenienza dei migranti presenti alla manifestazione nel piazzale antistante la chiesa.

GMM 2017 Guardavalle

Il Mosaico