Ultima Uscita

Vuoi Sostenerci?

Bomboniere Solidali

Comunicati Stampa

2017 01 11 OasiQueste giornate di temperature polari (almeno per noi) ci hanno colti impreparati: il freddo, la neve, le condutture gelate, problemi con i rifornimenti idrici e del gas metano. Ma per qualcuno, che già vive in condizioni precarie, questa situazione ha creato ancora più problemi.

Già dallo scorso anno, proprio in occasione del Giubileo della Misericordia, per volontà dell'Arcivescovo di Catanzaro Squillace mons. V. Bertolone, è stato attivato il progetto Oasi di Misericordia, con un rifugio notturno per l'accoglienza di persone senza dimora ed un servizio mensa anche itinerante (distribuzione di pasti e bevande a persone che vivono in strada). Il servizio è gestito dalla Fondazione Città Solidale, che dal 1999 (ed informalmente anche prima) gestisce strutture di accoglienza per persone in difficoltà.

In questi giorni particolari, il servizio dell'Oasi è stato implementato. Gli operatori della Fondazione Città Solidale si sono prontamente attivati (al di là del proprio orario di servizio e con grande senso di gratuità), per potenziare il servizio della mensa interna, con un'apertura per un maggior numero di ore, per consentire un riparo anche in fasce orarie di solito non coperte.

Anche la distribuzione dei viveri all’esterno è stata effettuata in orari diversi (per esempio, con distribuzione di bevande calde nel pomeriggio) ed estendendo il territorio coperto, con il furgone attrezzato che ha effettuato più giri nelle zone di S. Maria e Catanzaro Lido. Da giorni, il furgone sta girando anche a Catanzaro Nord e Centro, per monitorare eventuali necessità. 2017 01 11 Oasi2

Alle persone incontrate è stata offerta la possibilità di essere accolte in struttura (l'Oasi di Misericordia si trova in Via Civitavecchia a Cz Lido), ma non tutti hanno accettato. Quelli che rifiutano, lo fanno per diversi motivi: stranieri con documenti non regolari, nuclei familiari che preferiscono stare insieme e non dividersi, etc. Il servizio, solitamente attivo a partire dalle ore 19,00 e fino alle ore 9,00 del giorno successivo, è stato implementato dando la possibilità agli ospiti di rimanere in casa, e dunque al caldo, anche in orari diversi da quelli consueti.

2017 01 11 Oasi3Per strada, a tutti quelli che ne avevano necessità sono state comunque distribuite coperte, guanti, sciarpe, indumenti di lana per fronteggiare il freddo. Così è ancora oggi anche per tanti che vengono raggiunti puntualmente nei luoghi di fortuna dove si rifugiano, soprattutto nelle ore serali. La situazione di emergenza creata dal freddo (ed in parte anche dalla neve) ha portato gli operatori a consegnare bevande e pasti caldi anche a domicilio, presso famiglie che hanno espressamente chiesto indumenti pesanti, piumoni ed anche generi alimentari. Importante in queste operazioni anche il supporto di associazioni che si sono pure prontamente attivate, come l’Associazione Nazionale Polizia di Stato, la Ristorart ed il contributo di gruppi, parrocchie, singoli che hanno offerto risorse (in denaro, viveri, coperte o indumenti) per far fronte all'emergenza e per sostenere l'Oasi.

“Raggelanti" - è il caso di dirlo - sono state le scoperte dei volontari in questi giri:  ricoveri di fortuna nella zona della stazione, baracche fatiscenti abitate anche da catanzaresi, in qualche caso perfino con la presenza di bambini. Al di là della risposta di emergenza, si dovranno studiare degli interventi più adeguati, in cui dovranno essere coinvolte anche le Istituzioni preposte.

  Intanto il servizio dell'Oasi continua, con sempre maggiore attenzione al territorio e la disponibilità ad attivarsi soprattutto in situazioni e fasce orarie non coperte da altri servizi, per essere vicini a quanti vivono per strada.

RistorartVa avanti la rete della solidarietà che unisce il Gruppo Ristorart Toscana e la Fondazione Città Solidale Onlus di Catanzaro. Con l’avvio imminente da parte della Ristorart Toscana del servizio di ristorazione presso l’Azienda Ospedaliera Pugliese - Ciaccio di Catanzaro, si amplia la convenzione che da oltre un anno prevede già la quotidiana donazione dei pasti residui delle attività del Gruppo alla Fondazione Città Solidale. Un rapporto di collaborazione a scopo benefico rilanciato il 5 gennaio scorso dalla visita dell’Amministratore unico della Ristorart Nicola Capogreco, accompagnato dal Presidente della stessa Fondazione il sacerdote Pietro Puglisi, presso la struttura “Il Rosa e l’Azzurro” che ospita, nel quartiere Lido del Capoluogo di Regione, donne e bambini vittime di violenze e maltrattamenti. <> - ha dichiarato il Presidente don Pietro Puglisi - <>.

Befana 2017 01 05Una befana ricca di solidarietà questa del 2017, per Fondazione Città Solidale Onlus, che ha visto una serie di iniziative in favore degli ospiti delle strutture da parte di associazioni del territorio. Nel pomeriggio di ieri, infatti, la consegna da parte dell’associazione nazionale polizia di stato della sezione di Catanzaro, di una derrata di alimenti per la struttura Rosa e Azzurro di Catanzaro Lido, che ospita donne vittima di violenza o in situazioni di disagio, insieme ai loro bambini. Un momento che, come spiegato da Emilio Verrengia, presidente della sezione di Catanzaro, vuole essere una tappa del percorso rivolto alla solidarietà che l’ANPS si è proposta di portare avanti in questo anno. Lo stesso ha continuato ribadendo che questa non è solo una manifestazione sui generis ma l’inizio di un cammino comune con la Fondazione, con la quale già da qualche anno è attiva una convenzione. Il presidente della Fondazione Città Solidale Onlus, Padre Piero Puglisi, ha sottolineato come queste iniziative siano importanti per l'Organizzazione perché danno il segno tangibile di come le realtà del territorio siano vicine a chi vive momenti di forte disagio, anche e soprattutto verso i più piccoli. Ed è proprio in questa direzione che, sempre l’ANPS, ha voluto regalare un momento di allegria ai bambini ospiti della struttura il "Rosa e Azzurro", organizzando un momento con la Befana che ha dispensato dolci e cioccolate; un modo anche questo per trascorrere un momento di serenità all’interno della struttura. 

Befana 2017Sempre nella serata di ieri, invece, presso la Chiesa Matrice di Girifalco si è tenuto un concerto di beneficienza offerto dalla New Beat di Vibo Valentia con l’incasso devoluto a Fondazione Città Solidale, per l’attivazione di laboratori creativi e solidali a favore degli ospiti accolti nelle strutture. Un momento di musica dal titolo “Sinfonia dell’infinito” che, in una notte molto fredda, ha riscaldato i cuori dei presenti, riuscendo a far respirare ancora una volta il vero Natale. Sentimenti che si raccolgono sotto il segno della solidarietà e della fratellanza, come sottolineato da Padre Piero che nell’intervento conclusivo ha messo in luce come proprio in questo periodo che sta attraversando la nostra società, fatto di gelo e di freddo, queste piccole iniziative danno conforto ed incoraggiano nel difficile lavoro per combattere il disagio delle persone e la povertà. Piccoli segni che fanno ben sperare un 2017 che vedrà Fondazione Città Solidale sempre impegnata a vivere la sua Mission ed aperta ad accogliere ogni forma di sostegno, per continuare a stare con passione e determinazione al fianco dei più deboli e bisognosi.

 

Locandina un calcio al razzismoIl freddo non ha frenato l’entusiasmo dei giovani ospiti del Centro SPRAR “Il Vivarium” di Catanzaro (che accoglie minori stranieri rifugiati e richiedenti asilo politico), che nella giornata di ieri, nello stadio “F.S. Riccio” di Girifalco, hanno sfidato la squadra BussolAvis, compagine che milita nella seconda categoria. La manifestazione va ad inserirsi in un torneo, denominato “Un calcio al Razzismo”, organizzato da Fondazione Città Solidale Onlus ed approvato dal Servizio Centrale del Servizio Per Richiedenti Asilo e Rifugiati del Ministero dell’interno. La competizione sportiva vedrà la partecipazione anche dei beneficiari accolti negli altri Centri SPRAR per adulti e minori gestiti dalla stessa Fondazione (“l’Approdo” di Girifalco, “Il Golfo” di Catanzaro e “Nostra Signora di Guadalupe” di Gasperina) e della squadra EuroGirifalco anch’essa di seconda categoria. Un modo, questo, non solo per costruire dei percorsi di integrazione sul territorio, ma anche per sensibilizzare i cittadini all’accoglienza e alla costruzione di un ponte tra culture diverse. La partita di ieri è stata l’inizio di un cammino fatto di sport e tolleranza e che già dalle sue prime battute è stato caratterizzato dai sorrisi e dagli abbracci di tutti i partecipanti italiani e stranieri. Ma è stata anche un'occasione per assistere e partecipare ad una vera attività sportiva, caratterizzata anche da un sano spirito di competizione che,  dopo una partita piena di emozioni, ha visto la vittoria del “Vivarium” per 3 a 2. Alla fine del match, tutti i giocatori si sono stretti insieme in un unico abbraccio e si sono dati appuntamento alla prossima partita. Sono in programma, infatti, altre partite all’interno di due gironi che vedranno le squadre vincenti premiate nel mese di maggio, in occasione della manifestazione “4° Premio Città Solidale”, tradizionale appuntamento annuale di Fondazione Città Solidale. Questi momenti servono per aiutare i minori accolti a riscoprire il piacere di stare insieme, a ritrovare la dimensione della loro età, insieme con i coetanei italiani. Un modo anche per promuovere quel processo di integrazione sul territorio e per far conoscere anche ai più scettici quanto sia importante accogliere chi è arrivato in Italia fuggendo da situazioni di guerra e povertà. Queste attività si collocano dunque in una più ampia progettazione, denominata “Integrazioni” che rientra nei servizi offerti dalla Fondazione. Si tratta di un programma approvato dal Ministero, che già a partire dal mese di dicembre ha visto l’attivazione di due laboratori, uno di cucina e uno di riciclo creativo, che coinvolgono gli ospiti stranieri insieme a giovani italiani. Piccoli passi sul cammino dell'integrazione e piccole gocce nell'oceano dell'indifferenza.

Locandina un calcio al razzismo

Il Mosaico